matteo costanzo

L’incedere artistico di Matteo Costanzo si articola in primis attraverso un meticoloso e ossessivo processo psicofisico di ricerca, selezione e accumulazione di contenuti. Trasfigurati da uno sviluppo di disfacimento e manipolazione, sovversione ed alterazione che esplorando la natura dell’immagine, del taglio e del format, pone domande sul tempo, sulla condizione umana, sulla soggettivazione e sull’arte. Utilizza materiali, oggetti o media che hanno perso la loro utilità, il loro consumo o la loro primaria funzione. Preesistenti, re-inquadrati, manipolati per venire dirottati su nuovi formati e funzionalità. I risultati vanno dalla messa in discussione del collage e della pittura a quello della scultura/installazione, dal consumismo capitalista a quello dello spazio-tempo individuale, tracciando un percorso in divenire in cui convivono schermi e appropriazione d’oggetti, videomaking e photoediting, procedimenti di arte generativa e pittura tradizionale. La tensione incessante di questo lavorio è quella di porre nuove domande incurante delle risposte, pretesto per una continua analisi della realtà fondata sull’esperienza. L’opera così ottenuta non è più lo scopo o il risultato ma il mezzo per non rimanere paralizzati. In questo modo si configura un dis-farsi che è un’epistemologia della ricerca stessa.

MATTEO COSTANZO

nato a Roma (1985)
vive e lavora tra Pesaro e Roma

studi

2016 ABA Urbino, Pittura, I Livello
2018 ABA Urbino, Pittura, II Livello

Scarica il cv

Scarica il portfolio

VIR residenza maggio agosto 2020

ONLINE PROJECTS

Online projects

"The Colouring Book" curated by Rossella Farinotti and Gianmaria Bigazzi | "#Laculturanonsiferma" curated by Marcello Smarrelli and Centro Arti Visive Pescheria Pesaro | "Ti do la mia parola" curated by Buik Collective | "Emergencyexit_artinquarantine" curated by Adriana Rispoli | "Squareproject" curated by Balloon_project | "The Artist Stays Home" curated by Metodo Milano
Click Here

focus

self_redemption_room

L’inedito processo innescato in residenza, come di consueto quando affronto un esperienza di questo genere, ha visto la formalizzazione di una serie di dispositivi intitolata self_redemption. Il titolo gioca con l’accostamento dei significati delle parole in inglese self portrait e redemption (autoritratto e riscatto). Le sculture nascono come un tentativo impossibile e simultaneo di autoritratto e di auto-riscatto, auto ritraendomi nella figura simbolico/immaginaria e trasfigurante di un noto character degli anni 80/90, l’antagonista delle serie “He-Man the masters of the universe”. Skeletor è un villain sui generis e forse tra i “cattivi” più popolari di sempre, non propriamente malvagio, la sua natura è più che altro curiosa, stravagante e grottesca.

Continua a leggere..

Previous
Next